Altri articoli

B6 e B12: due vitamine per il cervello

Vitamine B, un’arma in più per prevenire l’Alzheimer

Fare sport da piccoli aiuta la memoria anche dopo i 50

Acido folico e vitamina B12 contrastano la schizofrenia

Vitamine B, risveglio di primavera

Depressione, più rischi senza vitamina B12 e folati

Quei bravi ragazzi

B12, contro il declino della mente

Vitamina B12, un aiuto per il cuore dei vegetariani

Stress e crisi, se la memoria va in tilt

La “danza” della vitamina B12

La “prevenzione per la memoria”

Zinco, scoperto un ruolo chiave nel cervello

Energia a portata di mente

Sport da 10 e lode

Vitamine B contro lo stress da lavoro

Il cervello non può più crescere

Promemoria: assumere vitamina B12 e acido folico

Le ore di sonno perso danneggiano la memoria

La vitamina C fa bene anche al cervello

Troppa tecnologia danneggia la memoria

Un test per scovare le carenze di vitamina B12

Alla ricerca della vitalità perduta

L’energia della colazione all’italiana

Una dieta poco

Tre B per rallentare la demenza

Vitamine B e funzioni cognitive

Vitamina C, morale più alto in corsia

Vitamina B12, una barriera contro il declino mentale

Lo zinco placa l’irritabilità femminile

Vincere la «sindrome da rientro»

Se il cervello si disidrata

La carica delle multivitamine

Le carenze delle donne

Vitamine B, il buonumore ritrovato

Quanto mi manchi

La vitamina B12

Magnesio, un aiuto per la memoria

Vitamine e minerali antiossidanti per le capacità cognitive

Stress sotto controllo con magnesio e vitamine B

Performance mentale

Vitamine B, mattoni del sistema nervoso
19.07.2012

 B1, B2, B3, B5, B6, B8, B9, B12: un’intera squadra a servizio del sistema nervoso. Pur possedendo specifiche prerogative, ciascuna delle otto vitamine del gruppo B lavora di concerto con le altre, in qualità di coenzimi, nelle varie reazioni chimiche in cui sono implicate. Uno dei loro più delicati “ambiti di intervento” è costituito dal cervello e dal sistema nervoso, la cui corretta funzionalità non dipende solo dall’apporto di macronutrienti – carboidrati, grassi e proteine – ma anche dall’adeguata disponibilità di micronutrienti come, appunto, le vitamine del gruppo B. 

Prendiamo, ad esempio, la vitamina B1 (tiamina), essenziale per l’approvvigionamento energetico (glucosio) dei neuroni e per la corretta trasmissione degli impulsi nervosi. Tra i suoi compiti vi è la partecipazione alla sintesi di acetilcolina, un importante mediatore chimico degli impulsi nervosi coinvolto tra l’altro nei processi mnemonici, tanto che alterazioni correlate all’attività di questo neurotrasmettitore sono state associate ad alcune forme di demenza senile. Di recente, le benefiche proprietà della vitamina B1 sono state confermate dagli esperti dell’European Food Safety Authority (EFSA) che ne hanno ribadito il fondamentale ruolo nel normale sviluppo neurologico di neonati e bambini.  

Analoga importanza per il sistema nervoso ha l’azione della vitamina B6 (piridossina), che partecipa in qualità di cofattore enzimatico nella sintesi di numerosi neurotrasmettitori, come la serotonina (coinvolta tra l’altro nella regolazione del tono dell’umore e del ciclo sonno-veglia) e la dopamina (ritenuta un mediatore cerebrale delle emozioni positive). Tra le sue funzioni, oltre alla partecipazione nei processi di formazione della mielina (guaina che avvolge e protegge le fibre nervose), vi è anche il rifornimento energetico dei neuroni, grazie al suo coinvolgimento nella trasformazione e utilizzazione di carboidrati, grassi e proteine. Da citare anche il ruolo della vitamina B12 (cobalamina) che, oltre a partecipare anch’essa alla formazione della mielina, interviene nella sintesi del DNA e nei processi di divisione cellulare. La disponibilità di vitamina B12 nell’organismo influenza peraltro l’efficacia dell’attività della vitamina B9 (acido folico), che svolge un ruolo centrale per la sintesi di alcuni neurotrasmettitori (noradrenalina, serotonina e dopamina) il cui deficit è stato associato all’insorgenza di disturbi depressivi. La sinergia tra vitamina B12 e vitamina B9 è stata di recente confermata da uno studio dell’Australian National University, secondo cui l’assunzione combinata dei due micronutrienti proteggerebbe le strutture neuronali preservando memoria e funzioni cognitive, e difendendo il cervello dalle patologie legate all’invecchiamento.  

 Link

J.M. Bourre et al., “Effects of nutrients (in food) on the structure and function of the nervous system: update on dietary requirements for brain. Part 1: micronutrients”

European Food Safety Authority, “Scientific Opinion on the substantiation of a health claim related to thiamin and maintenance of normal neurological development and function”